Spinaci, proprietà e consigli in cucina | Il gusto della semplicità
Spinaci, proprietà e consigli in cucina

Spinaci, proprietà e consigli in cucina

Tra i protagonisti della spesa di gennaio, gli Spinaci, proprietà e consigli in cucina.

Gli spinaci, sono piante erbacee che si distinguono per tipologia in base al periodo di raccolta:

primaverili, come il virofly e lo spinacio della Nuova Zelanda, invernali, come il gigante invernale, il gaudy, lo spinacio perenne.

I valori nutrizionali per 100 gr di prodotto crudo apportano al nostro organismo:

3,4 gr di proteine – 2,9 gr di carboidrati, 0,7 gr di grassi

I grassi in esso contenuti sono per lo più omega3, oltre che contenere anche vitamina A e vitamina C ed , in modeste concentrazioni , vitamine del gruppo B.

Dei vari sali minerali annoveriamo i maggiori per quantità: potassio, sodio, calcio e fosforo.

Un alimento particolarmente utile per la salute degli occhi, per chi soffre di aterosclerosi, per le gestanti e per l’azione protettiva nei confronti delle patologie coronariche.

Spinaci, proprietà e consigli in cucina

Spinaci e ferro

Al di là del mito che tutti ci portiamo dall’infanzia grazie a Braccio di ferro che diventava forte perché mangiava gli spinaci, è utile fare un pò di chiarezza.

Pare che l’attribuzione di alimento particolarmente “energetico” sia stato il risultato di un errore di trascrizione nel riportare la concentrazione di ferro nelle prime tabelle nutrizionali.

Tra l’altro, venne pure messo in discussione per via della scoperta di ossalati: ovvero sostanze anti nutrienti che limitano fortemente la biodisponibilità dei minerali (ferro, calcio e magnesio) contenuti negli ortaggi a foglie verdi.

Fonti: my-personaltrainer.it

Spinaci, proprietà e consigli in cucina

Quanto ferro contengono?

Premesso questo, dovete sapere che comunque gli spinaci sono ricchi di ferro (2,9 gr ogni 100 gr di prodotto fresco) infatti ne detengono il primato assoluto fra gli ortaggi.

Per facilitarne l’assorbimento si possono utilizzare sostanze nutritive quali: acido ascorbico (vitamina C) ed acido citrico, basterà quindi aggiungere del succo di limone.

Hanno invece effetto contrario le fibre alimentari (carboidrati) ed alcuni nutrienti come fitati (legumi) e tannini di origine vegetale.

Spinaci, proprietà e consigli in cucina

Spinaci: meglio crudi o cotti?

Per evitare di danneggiare il contenuto di acido ascorbico e folati sensibili al calore sarebbe meglio consumarli crudi.

La cottura in acqua disperde facilmente i minerali in esso contenuti, è perciò preferibile la cottura a vapore.

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *